La scheda tecnica del Commodore 64

C64-biscottone

Il Commodore 64 rimase in produzione per oltre un decennio. Nel corso degli anni vennero prodotti diversi modelli e l'hardware subì numerose revisioni, tuttavia le specifiche tecniche rimasero immutate.

SCHEDA TECNICA
Nome Commodore 64
Azienda produttrice Commodore
Tipo Home Computer
Paese di origine U.S.A.
Data di introduzione Agosto 1982
Fine produzione 1993
Unità prodotte 17 milioni circa
Linguaggio incorporato BASIC v2.0
Sistema operativo GEOS (1986)
Tastiera QWERTY completa 62 tasti + 4 tasti funzione
CPU MOS Technology 6510
Frequenza 0.985 MHz (PAL) / 1.023 MHz (NTSC)
Co-processori VIC II (chip Video), SID (chip Sonoro)
RAM 64 KB
ROM 20 Kb (8Kb BASIC + 8Kb Kernal + 4Kb set caratteri)
Modalità testo 40 colonne x 25 righe
Risoluzione in pixel 320 x 200 (2 colori), 160x200 (16 colori)
Colori 16
Sonoro 3 canali / 9 ottave, 4 forme d'onda (output via TV)
Dimensioni/Peso 40.4 x 21.6 x 7.5 cm / 1820 g
Porte I/O uscita audio/video su porta mini-DIN (composito, chroma/luma), 2 porte joystick, slot cartucce, interfaccia registratore, porta seriale, I/O, jack TV RF out
Memoria di massa Datassette 1530 (C2N) Floppy disc (1541)
Alimentazione Alimentatore esterno 9 Volt (alternata)/ 1A e 5 Volt (continua) / 1.5A
Prezzo di lancio $595 (USA, 1982) - L.973.000 (Italia 1983)- £229 (U.K. 1984)
Emulatori VICE, CCS64, Frodo, C64.emu

Data di rilascio
Il Commodore 64 venne annunciato a Las Vegas durante l'edizione invernale del Consumer Electronics Show che si tenne a gennaio del 1982. Venne presentato in anteprima mondiale all'edizione estiva del CES ospitata a Chicago (6-9 giugno 1982). Entrò in produzione in estate e verso la fine di Agosto 1982 iniziò la commercializzazione in USA.
Il Commodore 64 venne presentato in Italia allo SMAU presso la Fiera di Miano nel settembre 1982 e la commercilizzazione iniziò a marzo 1983.

Prezzo
Il prezzo di lancio fu di $595 negli Stati Uniti e L.973.500 in Italia. Poichè Commodore produceva in casa gran parte delle componenti riuscì a praticare dei prezzi aggressivi e a sbaragliare la concorrenza pur mantenendo buoni profitti.

CPU
Il Commodore 64 utilizzava il microprocessore MOS Technology 6510, una versione leggermente modificata del MOS 6502 (la stessa cpu usata sull'Apple II), su progetto originale di Chuck Peddle.
La differenza principale rispetto al MOS 6502 consiste in una porta aggiuntiva di I/O che consente di sfruttare tutti i 64kb di RAM e pilotare direttamente il registratore a cassette.
La frequenza di lavoro del MOS 6510 è di 1 MHz, più esattamente 0,985 MHz per la versione PAL europea e 1,023 MHz per quella NTSC americana.

RAM
La dotazione di RAM, pari a 64Kb, era superiore a tutti i concorrenti dell'epoca.
Jack Tramiel era sicuro che il prezzo di produzione si sarebbe presto abbassato, garantendo un vantaggio competitivo.

ROM
Il Commodore 64 era dotato di una memoria a sola lettura, grande complessivamente 20Kb: 8K Basic + 8K Kernal + 4K set caratteri.
Il contenuto della ROM rendeva il computer immediatamente operativo, appena acceso.

Sistema operativo
Il Commodore 64 era dotato del BASIC v2.0, una versione piuttosto primitiva derivata dal Microsoft BASIC per MOS 6502 che Commodore acquistò per i computer PET nel 1977.
Nel 1986 venne rilasciato GEOS, un vero sistema operativo dotato di interfaccia grafica, in grado di girare sull'8-bit di casa Commodore.

Grafica
Le ottime performance grafiche del Commodore 64 erano dovute al chip video VIC-II (Video Interface Chip), evoluzione del VIC utilizzato nel VIC-20, progettato da Albert Charpentier e Charles Winterble.
Anche il VIC-II era prodotto da MOS Technology, riconoscibile per la sigla MOS 6567 (versione NTSC) o MOS 6569 (versione PAL).
Era dotato di 16kb di memoria video, che gestiva lo schermo, i caratteri e gli sprite; la risoluzione massima era di 320x200 a 2 colori, mentre in modalità 16 colori, quella utilizzata dai giochi, la risoluzione era di 160x200 pixel. In modalità testo visualizzava 25 righe da 40 caratteri.
Una caratteristica fondamentale era la gestione in hardware degli sprite, cioè di immagini bidimensionali che potevano essere sovrapposte allo sfondo e spostate indipendentemente. Questa funzionalità facilitava l'animazione dei giochi 2D:in modalità multicolore era possibile gestire contemporaneamente 8 sprite grandi 12x21 pixel.

Sonoro
Il Commodore 64 montava un chip sonoro molto avanzato per l'epoca, uno dei primi ad essere utilizzato sugli home computer. Il SID (Sound Interface Device), prodotto da MOS Technology con la sigla MOS 6581, fu sviluppato dall'ingegnere Robert Yannes. Il chip SID era in grado di gestire tre canali audio indipendenti. Via software, grazie ai registri dedicati, era possibile manipolare anche campioni audio e segnali analogici.

Tastiera
Come il VIC-20, il Commodore 64 era dotato di una tastiera qwerty full-size con 62 tasti + 4 tasti funzione.

Porte
L'espandibilità del Commodore 64, a differenza dell'Apple II, era abbastanza limitata ma permetteva di connettere le periferiche più diffuse. Era dotato di
2 porte joystick, una porta d'espansione (lettore cartucce), il connettore per il registratore a cassette, porta seriale (per floppy drive e stampanti), porta I/O, uscita mini-DIN audio-video,
jack RF (per la connessione ad una normale TV).



ARTICOLI CORRELATI
Commodore MAX Machine
Commodore 64C
Commodore 64 Golden Edition
Commodore 64 Silver Label
Tutti i modelli di Commodore 64
Emulare il Commodore 64 su Android
Emulatore Commodore 64